Giandomenico Tono

Giandomenico Tono (Milano 1958), inizia a fotografare nei primi anni ottanta come assistente di Antonello Perissinotto per foto di documentazione. In quegli anni collabora con un importante quotidiano del Nord Est, poi con una agenzia di comunicazione di Padova per fotografie industriali e per la redazione del periodico “Acque” dell’Acquedotto Valli Piovese.

Nel 1991 esegue con Moreno Segafredo una campagna fotografica di documentazione delle vecchie botteghe del centro storico di Padova che porterà nel 1996 alla pubblicazione del volume “Dietro il banco” per i tipi delle edizioni Colpo di Fulmine di Verona e alla mostra “Padova, luoghi di civiltà quotidiana” con pubblicazione del catalogo omonimo.

Dal 1995 alla fine del 1997 lavora con TAM teatromusica come responsabile tecnico del Teatro Maddalene di Padova. Nello stesso anno fotografa alla Biennale Musica l’opera di Marco Stroppa “1995 – 2095” con scenografie di Michele Sambin. Nel 1998 segue dei seminari di fotografia presso il CRAF di Lestans (UD) con Mimmo Jodice e Roberto Salbitani.

Dalla fine del 1997 al 2001 vive tra Padova e la Bolivia, dove collabora con CIDOB (Central Indigena Oriente Boliviano), con il Museo Tessile ASUR di Sucre per una picola campagna fotografica, con la compagnia Teatro de Los Andes ed altre compagnie sudamericane, con la Universidad Andina Simon Bolivar di Sucre come docente di due corsi di fotografia.

Nel 2002 per il Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi realizza le immagini per l’allestimento del Centro Visitatori di Valle Imperina, Agordo (BL). Dallo stesso anno collabora con lo studio Piovan Magliani di Padova per campagne di catalogazione.

Dal 2003 partecipa alla campagna di catalogazione della Diocesi di Padova indetta dalla Commissione Episcopale Italiana.

Negli ultimi anni ha collaborato con le seguenti compagnie di teatro: TAM teatromusica (Padova), ATIR (Milano), Caterina Sagna (Venezia), Kiklos (Padova), Conservatorio C.Pollini (Padova), Teatro de Los Andes (Bolivia), Teatro Lume (Brasile), Teatro del Ogro (Bolivia), Teatro Rodante (Colombia), Ojo Morado (Bolivia), KikinTeatro(Bolivia), Malayerba (Ecuador), La Oveja Negra (Bolivia).

Collabora con istituzioni, case editrici, compagnie di teatro in Italia e in Bolivia. Vive a Padova.

Pubblicazioni:

Esposizioni:

Contattaci: posta@sinopiaonlus.org